Steam, il 2017 sarà l’anno con più nuove uscite di sempre?

0

Il numero di giochi pubblicati su Steam nel 2017 finora ha già superato il totale di quelli pubblicati nel 2015. Più di 1.300 sono stati pubblicati dopo l’introduzione di Steam Direct.

Se si continua con questi ritmi il 2017 sarà l’anno dei record, più di 5.000 giochi in totale, più di tutti gli otto anni precedenti messi insieme!

Comunque sarei curioso di vedere statistiche simili, che però tengano conto solo dei giochi che hanno venduto oltre una certa soglia, perché ormai tra carte, siti di key e bundle vari credo che ci sia una percentuale rilevante di gente che rilascia giochi un tanto al chilo per guadagnare poi per vie traverse (vedi ad esempio http://bit.ly/2gX0OEx).

E voi che ne dite? Riusciremo a battere tutti i record quest’anno?

(Via Tom’s Hardware Italia: http://bit.ly/2wUGnRB)

Daniel Ahmad on Twitter

pic.twitter.com
“Updated the number of Steam games released per year chart. 2017 already higher than 2015. Over 1,300 new games since Steam Direct launched”

che disastro (sì, è un disastro).

lo hanno voluto loro (Steam Direct) ma non capisco che guadagno abbiano

esatto Gianluca, è come se avessero perso la bussola, boh.

Più che altro non capisco come possano pensare che sia sostenibile…

Il fatto che i giochi non vendano perchè c’è troppa merda era vero nel 2015, oramai con Steam Discovery la cosa non sussiste più.

La verità è che su Steam non si vende perché ci sono tanti giochi *belli*, non per la monnezza.

Basta guardare quante copie fa un titolo orrendo e quante volte finiscono in homepage.

Per fare un esempio ho guardato su SteamSpy uno degli ultimi titoli orrendi usciti – “Lost with Dinosaurs”.

Ha venduto talmente poco da non comparire nemmeno su SteamSpy.

Still relevant: https://twitter.com/MattiaNotFound/status/806048996401811456

“Don’t be fooled, the market’s not saturated by godawful amateur games, it’s saturated by really great games. 2016 in particular:”

però, Mattia, stai un po’ sottovalutando l’utente medio. Steam è ormai talmente mass market che non dico patisca le problematiche di un App Store un Google Play, ma poco ci manca. E comunque, con un tale bacino di guano, anche se un titolo mediocre vende poco, toglie comunque risorse a giocatori poco attenti che poi non spendono per un titolo che vale. Ben inteso che capisco quel che dici e lo condivido.

(poi secondo me Steam più che pieno di giochi belli è pieno di giochi bellini, che a a parer mio è una grossa differenza e apre discorsi interessanti)

Mah, una volta le cose si provavano se le cose sembravano interessanti ora è difficile provare qualsiasi cosa su Steam..

Il tuo discorso era verissimo due anni fa, ma ora ti basta aprire l’home page di Steam per vedere quanti titoli veramente brutti ti appaiano.

Tra “Popular New Release” (Che è diversa dalla lista totale delle New Releases), “Featured & Recommended” (Che dipende dai tuoi gusti, dai tuoi amici e dai curator), “Trending among friends” e la tua “Discovery Queue”, i titoli zozzi non appaiono quasi più.

L’appstore invece è ancora una semplice lista (tranne qualche roba featured e totalmente controllata da Apple) e quindi soffre ancora del problema

Signora mia, non ci sono più le mezze stagioni 😀

La critica – giustissima – che si può fare a questo sistema è che siccome ora è tutto basato sulla Steam Discovery, un titolo sconosciuto ha meno probabilità di emergere siccome non rientra negli algoritmi.

Ma è la legge del mercato dovuta all’aumento in generale di giochi, non di monnezza

secondo me stiamo valutando parti diverse del discorso e tutte giuste, e forse è l’insieme a darci la panoramica corretta. L’abbondanza, indipendentemente dal valore, spinge a migliorare, d’altro canto ammazza i piccoli. Perché? Perché non si possono permettere il marketing. Marketing che spinge non necessariamente solo giochi belli, ma pure mediocri, quando non addirittura pessimi. Io, sinceramente, mi guardo ogni giorno le chart e vedo parecchia monnezza nella top ten (roba tipo Fighting Gods, per dire – lasciamo perdere per un secondo l’idea furbetta ma parliamo proprio di gioco). In questo momento, per dire, troviamo un misconosciuto White Day in classifica, con uno score del 62% e un venduto indicativo di 7mila copie. Poche? Bè oddio, magari sì, ma intanto vendute a 29 dollari. Quelle 7mila copie hanno tolto 29 dollari alle tasche di 7mila giocatori che magari, dico magari, ora non compreranno un titolo “migliore”. Posto che White Day non so cosa sia, intendiamoci, il mio è solo un esempio. Credo che il “disastro” di cui parlavo ci sia a prescindere dalla qualità, come ben dici, ma la presenza di merda (non so in che rapporto ma sarebbe interessante valutarlo) aiuta non poco il processo.

Ok, devo aver assunto la tesi sbagliata! Credevo che il discorso fosse sempre il solito de “tutta sta merda su Steam non mi fa vendere il giochino”, quando invece era un discorso più generale sul volume di titoli. My bad

Mattia, a me Steam continua a suggerire cose come http://store.steampowered.com/app/585550/FEMINAZI_The_Triggering/ e la mia Discovery Queue è un agglomerato inutile di tripla A e multiplayer online tanto chd ho smesso di addestrarla perché ci perdo solo tempo.

FEMINAZI: The Triggering on Steam

store.steampowered.com
Stop straight evil white males from oppressing women and minorities and make them check their privileges!

http://store.steampowered.com/app/675140/Laika_20/ io ho fatto uscire queesto gioco da poco, speriamo che ho buone vendite!!!

Save 15% on Laika 2.0 on Steam

store.steampowered.com
Reach the most guarded places as a KGB trained chimpanzee: biologically enhanced, psychic trained, ready to sneak everywhere and a bit short on bananas during the Cold War.

concordo con mattia, il mercato e’ saturo di giochi molto belli, la merda c’e’ ed e’ tanta ma non fa numeri

Monica Neddi basta spammare not interested, cmq steam discovery fa cagare, un sacco di roba che potenzialmente mi interesserebbe non l’ho mai vista, e la home ti cambia drasticamente in base a quello che giochi in quel periodo, se giochi un roguelike per 10 minuti vedrai solo roguelike per giorni

It’s the market baby.
STEAM becca la sua fetta sia su 5.000 copie di un solo gioco che su una copia singola di 5.000 giochi. 😊

Ti mostreranno sempre AAA, f2p e indini carini che rispecchiano le tue tags…
Insieme a PUBGOBPG (quello delle padelle che piace ai twitchers) così tutti i mini devs potranno dire “ANCHE IO VOGLIO VENDERE 10M DI KOPIEH!” per poi continuare a nutrire la bestia con nuovi giochini piccolini.

E’ una visione miope, a breve termine del mercato. Che e’ sorprendente per una socita’ come Valve che non e’ quotata, non deve dar conto a nessuno e si potrebbe quindi perfino piu’ facilmente di altre concentrare sul creare roba sostenibile per medio-lungo tempo…

Il mercato di Valve e’ lo stesso di Sony, Apple, MS etc, e nessuna di questa ha aperto le porte dei loro store alla merda piu’ merda non si puo’.

A me sembra che la loro posizione sia molto chiara e sempre più concretizzata negli anni.

La loro idea è INTERVENIRE IL MENO POSSIBILE lasciando che la piattaforma si stabilizzi da sola con auto pubblicazioni, AI e algoritmi che suggeriscono i giochi e voti e guide degli utenti a influenzare gli altri.

Minimo sforzo, massima resa.

http://www.develop-online.net/news/more-steam-games-have-been-released-since-june-than-the-combined-total-between-2006-2014/0235151

More Steam games have been released since June than the combined total between 2006-2014

www.develop-online.net
Breaking news from the global game development industry

Comments are closed.