L’economia delle microtransazioni sta cambiando e non si basa più solo sulle balene

0

L’economia dei giochi free-to-play sta cambiando: sempre più persone spendono in maniera “moderata” (fino a 100 dollari all’anno) o in maniera “pesante” (più di 100 dollari l’anno), e le “balene” (dai 1.000 dollari l’anno in su) cominciano a pesare meno rispetto a un tempo nel computo globale dei guadagni.

Più in particolare, su mobile i “moderati” rendono quasi la metà dei guadagni, un po’ meno invece su PC, dove ci sono più spenditori “pesanti”.

Questi dati sono stati estrapolati dal talk del fondatore di EEDAR (Electronic Entertainment Design and Research, parte di NPD) all’ultima GDC, disponibile gratuitamente su YouTube: http://bit.ly/2lhO0xL.

Regarding micro-transactions (mtx), you’ve said…

askagamedev.tumblr.com
apokalupsis88 said: Regarding micro-transactions (mtx), you’ve said that the majority of players are fine with mtx and even support mtx directly with their wallets..But the data doesn’t seem to…

Bhe se il modello inizia a pensare meno alle balene mi sembra una cosa ottima ☺

Semplicemente l’idea di pagare “durante” sta diventando più “normale”, e dato che l’offerta è altissima e molto varia presumo che gli heavy users rimangano legati meno tempo al singolo gioco.

Comments are closed.