Microsoft annuncia la sua proposta per la realtà virtuale con la sua “mixed reality”

0

Anche Microsoft si butta nell’arena della realtà virtuale, con quella che chiama “Mixed Reality”, ovvero (da quel che ho capito) l’esperienza “room scale” dei caschetti HTC, senza però bisogno di setup particolari della stanza: saranno i visori stessi a tracciare la posizione dell’utente nello spazio, senza bisogno di hardware esterno.

Microsoft è già in contatto con diversi produttori hardware per realizzare caschetti a partire dai 3/400 dollari (4/500 con i controller) (http://bit.ly/2vFLZLz) e ha già un catalogo di giochi ed esperienze da far provare ai suoi utenti (http://bit.ly/2vnDv0o), con in cantiere nientemeno che la saga di HALO da proporre in VR (probabilmente in modalità e con titoli pensati ad hoc).

Un po’ a sorpresa inoltre, i caschetti di Microsoft saranno compatibili con Steam VR, il che vuol dire che si potranno utilizzare con i titoli VR già presenti nel catalogo di Valve.

Il tutto in arrivo per le festività di fine anno. Che ve ne pare?

Feeling present in your environment is a key aspect of mixed reality, where you can move, interact, and explore in the most natural way possible. Learn how M…

Con tutta probabilità utilizza una parte della tecnologia usata su hololens e se fosse così sarebbe veramente interessante, visto che il più grande problema del vive sono proprio le camere attive che sono scomode da posizionare e molto soggette a disturbi, anche il prezzo è molto competitivo. bisogna capire la qualità sia del tracking dell’headset e dei controlli, e la qualità del visore in sé. Inoltre, da buona tradizione, nel video mancano i cavi, se fosse anche wireless sarebbe un colpo niente male, ma sinceramente dubito.

uhm in effetti visto che non l’hanno detto probabile di no, ma mai dire mai!

Il mese scorso sono stato a Redmond per la Mixed Reality Academy (training su Hololens col team di HoloToolkit).
Ho avuto modo anche di provare gli headsets in questione.

Usano chiaramente lo stesso inside-out tracking ma non sono wireless (sia ACER che HP forniscono un cavo di 4 metri).

Il termine Mixed Reality è ambiguo per quelli che sono essenzialmente caschetti per VR ma non è scorretto.
In letteratura (HCI) MR indica tutto ciò che mischia virtuale e reale (includendo sia AR che VR).

PS=I caschetti sono ottimi: leggeri, economici, facili da far funzionare al volo ed inoltre il tracking (ottico) è della stessa qualità di un Vive. Il supporto per SteamVR poi è una mossa astuta.

Si stanno posizionando nel mercato che potrebbe portare VR nel mainstream anche se questa è stata una scelta successiva all’introduzione sul mercato enterprise di Hololens.

Comments are closed.