Ignited Artists: va bene fare il gioco dei sogni, ma mai dimenticare il lato commerciale

0

Estraggo dall’articolo due consigli da rileggere tutti i giorni (traduco e parafraso):
1) “Va bene realizzare ‘il gioco che vorresti giocare’, ma se questo non da da mangiare a te, ai tuoi collaboratori e alle vostre famiglie, forse bisognerebbe farsi due domande sul ‘gioco che vorresti giocare'”.

2) “James Collins ci suggerisce il principio del porcospino, secondo il quale bisogna incrociare ciò che si sa fare meglio e ciò che si ama di più. Ma c’è un terzo insieme da considerare nel nostro diagramma di Venn, e cioé quello di ciò che è commercialmente praticabile. Bisogna colpire nel centro per soddisfare questi tre requisiti fondamentali.”

Indie studio Ignited Artists aims for ‘Triple-I’ quality with Barbaric

venturebeat.com
It’s been a while since I heard the phrase “Triple-I,” an independent game studio’s variation on “Triple-A” video games. Then again, there haven’t been tha…

Nice one

Più che altro, è grave che siano consigli e non sia stampato a fuoco in testa a chiunque inizia con questo tipo di business…

Comments are closed.